olio-extravergine-di-oliva

Condire con gusto

L'olio d'oliva appartiene ai grassi alimentari di origine vegetale ed è il condimento più utilizzato in Italia.
Pur avendo caratteristiche simili ad altri oli di tipo vegetale l'olio d'oliva è l'unico ad essere estratto da un frutto.

Per poter garantire la genuinità dell'olio di oliva in commercio, e per evitare pericolose commistioni con oli di origine diversa, sono state definite delle categorie che determinano un differente valore commerciale e un diverso uso in cucina. A seconda di queste caratteristiche l'olio d'oliva assume denominazioni differenti.

L'oliva

L'olivo, il cui nome botanico è Olea Europea, è una pianta molto longeva, in Palestina e nell'Africa del Nord esistono degli esemplari vecchi di 2000 anni. Questa pianta, molto comune nelle regioni italiane e del bacino mediterraneo, ha diverse varietà, alcune da frutto, dalle quali si ottengono olive da tavola, altre da olio e altre coltivate per entrambi gli usi.

Il suo frutto prezioso è l'oliva, una drupa, ovvero un frutto carnoso che al suo interno contiene un seme legnoso.
Le olive, che possono pesare dai 2 ai 10 grammi circa, hanno una forma ovale e, a seconda del grado di maturazuione e della varietà, un colore variabile dal verde, al violaceo, al nero.

L'inizio della maturazione delle olive avviene verso ottobre; le varietà da olio devono essere raccolte in un preciso momento del loro sviluppo, mentre quelle da tavola possono rimanere più a lungo sull'albero.
Qualsiasi sia il tipo di oliva raccolta, prima di poter essere commestibile, deve essere sottoposta ad un trattamento che la renda meno amara e più morbida.